I vantaggi di correre con un Garmin rispetto alle app per smartphone

“Per correre è meglio usare una app o un cardiofrequenzimetro?”
È vero, la nostra risposta potrebbe essere un po’ di parte (ma neanche tanto), però se vi state chiedendo qual è la differenza tra una app per correre e un Garmin e per quale motivo dovreste passare da una app per correre ad un cardiofrequenzimetro con GPS siete nel posto giusto.

Iniziamo con una semplice constatazione: difficilmente vedrete runner abituali utilizzare uno smartphone e le relative app per la corsa. Molto più probabilmente li vedrete con un Forerunner al polso. È anche vero che sono sempre più numerose le persone che decidono di abbandonare la vita sedentaria e iniziano a fare attività fisica all’aperto. Moltissimi di loro scelgono di iniziare a correre da zero e per tenere traccia dei primi chilometri e delle prime uscite, istintivamente, si affideranno ad una app per correre. Questo perché è immediatamente disponibile e molto spesso è gratuita.

Una app per correre può accompagnarvi mentre muovete i primi passi nel mondo del running. Ma considerando il fatto che, quando si tratta di corsa, l’appetito vien mangiando, le applicazioni per la corsa rappresentano un valido antipasto.

Avere immediatamente disponibile sul proprio smartphone anche un’app per correre è sicuramente un vantaggio. Affidare però il monitoraggio di un’attività specifica a uno strumento che è stato progettato per fare altro, ha sicuramente qualche limite. Una app per correre andrà benissimo per chi ha appena iniziato ma, già dopo qualche settimana, vi servirà un cardiofrequenzimetro dotato di GPS. Ecco infatti quali limiti e svantaggi potrete riscontrare se utilizzate, per correre, il vostro smartphone e le app dedicate alla corsa.

app per correre
Correre con uno smartphone ha sicuramente degli svantaggi

Tutti i limiti delle app per correre

Il segnale GPS
Il primo limite che potrete riscontrare nella vostra app per correre è legato al segnale GPS. Le antenne degli smartphone non sono pensate e progettate per un utilizzo sportivo, ma piuttosto per una generica geolocalizzazione. Per questo non sono così precise quando si tratta di tracciare dei percorsi. Per le prime uscite forse potrà bastare ma vi accorgerete presto delle discrepanze nella rilevazione del percorso e delle distanze.

L’autonomia della batteria
Una app per correre implica un maggiore consumo della batteria del vostro smartphone, sia per la rilevazione del GPS che per il monitoraggio della corsa. Il rischio, se decidete di correre utilizzando le app (e magari avete numerose applicazioni aperte o, nello stesso momento, volete anche ascoltare la musica dal vostro smartphone), è di trovarvi con la batteria scarica durante l’attività o subito dopo.

Funzioni di monitoraggio avanzate
Una app per correre non è in grado monitorare la vostra attività sportiva per quanto riguarda i parametri fisiologici, come la frequenza cardiaca, ad esempio. A meno che non venga associata a sensori di terze parti, che però comportano un costo aggiuntivo.

Funzioni per lo sport
Una app per correre potrà monitorare i parametri base di una corsa, come distanza, tempo e passo complessivo. Per un’uscita in bici o un allenamento in palestra, invece, dovrete dotarvi di un’altre applicazioni, mentre per una sessione di nuoto il vostro smartphone è inutilizzabile.

L’ingombro
Gli smartphone sono molto pratici, per telefonare e comunicare, ma non per correre. Sono ingombranti, pesanti e ci obbligano a tenerlo in mano o ad avere con noi marsupi o porta-cellulare, da fissare in vita o al polso. Tutto questo finirà inevitabilmente con l’appesantire la vostra corsa, senza considerare il rischio di caduta accidentale.

correre con lo smartphone
Correre con lo smartphone è decisamente scomodo

Perché usare un cardiofrequenzimetro GPS rispetto allo smartphone e alle app per la corsa

Se con la corsa avete iniziato a prenderci gusto vi saranno anche balzati agli occhi tutti i limiti delle app per il running. Arrivati a questo punto, un cardiofrequenzimetro con GPS potrà fare la differenza e farvi fare quel salto di qualità che inevitabilmente dovrete compiere.

Sensore GPS più preciso
Un orologio con sensore di frequenza cardiaca al polso e GPS è sviluppato appositamente per l’attività sportiva, quindi la rilevazione della posizione e della distanza è più precisa e affidabile.

Uno strumento dedicato
Potrete correre senza pesi o ingombri aggiuntivi perché tutto quello che vi serve è al vostro polso. I nostri Forerunner sono pensati per chi corre, quindi comodissimi al polso, robusti ma anche molto leggeri. Il vostro smartphone potrà essere usato finalmente per fare solo quello che deve fare: lo smartphone. L’orologio vi seguirà durante le vostre uscite registrandone tutti i parametri e solo a fine corsa dovrete sincronizzarlo con il vostro smartphone per un’analisi post allenamento.

serie garmin forerunner

Metriche fisiologiche
Frequenza cardiaca, VO2max, Training Load e Trainig Status, Body Battery. Nessuno conosce il vostro stato di forma meglio di un Garmin, che è in grado di registrare i vostri parametri e di elaborare calcoli utili a calibrare e organizzare i vostri allenamenti in base agli obiettivi e alle energie disponibili.

Allenamenti personalizzati
Tramite l’app Garmin Connect potete impostare allenamenti personalizzati e lavori di qualità. E se dimenticate di inviarli al vostro dispositivo, potrete sempre impostare fartlek e ripetute direttamente dal vostro orologio.

Programmi di allenamento Garmin Coach
Se il vostro obiettivo è preparare una 5K, una 10K o una mezza maratona, potete farvi guidare da Garmin Coach, che vi offre gratuitamente interi piani di allenamento personalizzati in base ai vostri tempi, alle vostre esigenze e ai vostri obiettivi.

garmin coach

La sicurezza
Un inconveniente, uno stop forzato, la classica lampadina che si spegne a metà allenamento, una storta. Se per qualche motivo dovete interrompere l’allenamento e chiedere l’assistenza di qualcuno, non dovrete estrarre il telefono, sbloccarlo e cercare tra i contatti prima di avvisare casa. I nostri Forerunner sono dotati della funzione Incident Detection e in grado di rilevare cadute o bruschi arresti. Se associati a vostro smartphone, vi basterà premere per 3 secondi il tasto dedicato per allertare i contatti di emergenza e inviare loro la vostra posizione. Senza dover estrarre il telefono.

Semplici da utilizzare
I Garmin della linea Forerunner sono pensati appositamente per la corsa, semplici e con un’interfaccia molto intuitiva. Fidatevi: da utilizzare e configurare non sono più semplici di una qualsiasi applicazione.

Musica e canzoni direttamente sull’orologio
Molti runner amano correre con la musica e, grazie alla memoria interna dei nostri sportwatch, vi basterà caricare i vostri brani preferiti o, ancora meglio, sincronizzare i vostri account Spotify, Deezer o Amazon Music per avere sempre disponibile la musica che preferite, da ascoltare offline in ogni momento e durante la corsa tramite cuffiette Bluetooth.

Pagamenti contactless
Con un Forrunner al polso potete uscire a correre senza portare portafogli, carte di credito o smartphone. Grazie alla funzione integrata Garmin Pay, potrete fare acquisti e pagamenti contactless direttamente con il vostro Garmin, in totale sicurezza. Potrete pagare un taxi, un isotonico a fine allenamento, offrire un caffè ai compagni di corsa o fermarvi a fare colazione.

Dalla app per correre al vostro primo Garmin

Ora che avete valutato i pro e i contri di una app per correre, siete pronti per fare il salto di qualità. Anche se avete iniziato a correre da poco, meritate di avere un Garmin al polso. Il nostro consiglio è il Foreunner 45, che unisce al design di un device molto semplice e leggero, le funzionalità di un cardiofrequenzimetro con GPS di ottimo livello. Diventerà il vostro compagno di allenamento ideale.