Correre con il freddo: l’abbigliamento del runner in inverno

Come deve essere l’abbigliamento da running invernale? Quanto bisogna coprirsi e come? Quali capi tecnici sono indispensabili? Abbiamo chiesto al team di Fulvio Massini come dobbiamo regolarci per correre anche con il freddo in modo da non limitare la nostra passione per il running ed evitare situazioni spiacevoli.

L’abbigliamento invernale per il running e la termoregolazione

La termoregolazione è una questione molto soggettiva. Questo è il motivo per cui alcuni runner fanno più fatica a correre in estate e altri in inverno. E d’altra parte, si sa, non ci sono più le mezze stagioni. Fatte salve quelle (poche) meravigliose giornate autunnali o primaverili in cui possiamo godere di una temperatura perfetta per correre, quando il termometro si alza o si abbassa in modo considerevole, adeguare il nostro abbigliamento per il running diventa una necessità che ci aiuta a limitare i danno ed evitare problemi fisici. Degli accorgimenti da adottare per correre con il caldo vi avevamo già parlato. Vediamo ora, come ci si deve attrezzare per correre in inverno.

Correte in inverno? Non vestitevi troppo!

Quando si deve uscire a correre in inverno, la prima reazione istintiva è quella di coprirsi molto per compensare lo sbalzo termico. Certi di aver fatto la scelta giusta, dopo pochi chilometri di corsa, ci si ritrova inevitabilmente a togliere uno strato dopo l’altro. Invece di coprirvi troppo, cercate di preferire capi tecnici in grado di conservare il calore e lasciar traspirare il sudore. Accuserete forse un po’ di freddo nei primi minuti di allenamento ma – anche per questo – non sentire troppo caldo nelle fasi successive.

L’abbigliamento varia anche in base al tipo di allenamento che vi aspetta. Se avete in programma un’uscita a bassa intensità vestitevi con 2 o 3 strati; in caso di allenamenti intensi, come ripetute e interval trainig ad esempio, o durante una gara, vi basteranno 1 o al massimo 2 strati.

Come scegliere, però, cosa indossare?
Dipende dalle temperature.

Correre sotto zero, da -10° a 0°

Quando le temperature sono così rigide è necessario correre con almeno tre strati: un primo strato, termico, a contatto con la pelle; un secondo strato, sempre termico ma dotato di mezza zip; un ultimo strato costituito da un giubbino tecnico, che sia traspirante e antivento. Per le gambe, l’ideale è una calzamaglia termica in materiale traspirante. Non dimenticate poi scaldacollo, guanti e berretto, che vi aiuteranno a mantenere calde le estremità più esposte al freddo. Avvicinandovi ai -10°, optate per uno scaldacollo che copra sia il naso che la bocca.

Correre in inverno da 0° a 5°

È uno degli intervalli di temperatura con cui, in inverno, potreste trovarvi a correre più spesso. Non si tratta di temperature estremamente rigide ma il freddo, tra 0 e 5° si fa comunque sentire. Il primo strato di intimo termico serve sempre ma poi potete valutare, anche in base alle condizioni climatiche, se aggiungere solo il secondo strato termico con la mezza zip o anche un giubbino tecnico antivento. La calzamaglia lunga, i guanti, lo scaldacollo e il berretto, invece, sono ancora necessari.

Abbigliamento per correre tra 5° e 10°

A questa temperatura il freddo è più che altro una sensazione iniziale. Non si tratta di temperature particolarmente rigide quindi le calzamaglie possono lasciare il posto a un pantalone a 3/4. Usate sempre e comunque l’intimo termico, ma magari a mezza manica, e sopra un secondo strato leggero a manica lunga. Scaldacollo, guanti e berretto non sono indispensabili; la scelta di usarli oppure no è soggettiva e dipende dalla vostra percezione del freddo o da particolari condizioni meteo. In caso di vento, ad esempio, anche temperature di per sé non rigide potrebbero essere percepito come molto più basse.

correre in inverno

Leggi anche: 10 consigli per correre sotto la pioggia

Correre con temperature oltre i 10°

Chi corre sa che questa è la temperatura ideale per un runner. Per allenarsi sono sufficienti due strati leggeri, di cui uno a mezza manica. A 10° è possibile correre sia col pantaloncino (meglio se aderente, perché limiterà la circolazione di aria sulla pelle) sia con i pantaloni a 3/4. Vi tornerà molto utile, in questo caso, la fascia multifunzione, il classico buff, che potrete sfruttare al bisogno al posto del berretto o dello scaldacollo.

Insomma, non fatevi scoraggiare dal freddo e dal timore di un’influenza. Con l’abbigliamento giusto correre in inverno non è un problema. Una meritatissima doccia calda al termine dell’allenamento, poi, vi rimetterà in pace col mondo. Buon divertimento!

Antonio De Francesco
Fulvio Massini Consulenti Sportivi