Perché la Body Battery non si ricarica quando si avvertono i sintomi di un’influenza?

Probabilmente avete sentito o letto che i wearable Garmin riescono a prevedere se vi state ammalando. Ma il vostro fitness tracker è davvero in grado di farlo?

Iniziamo con una puntualizzazione importante: gli orologi Garmin non sono dispositivi medici approvati e non sono progettati per diagnosticare o trattare malattie o condizioni. Consultate sempre un medico se volete ricevere un parere professionale sulla vostra salute.

La Body Battery per monitorare la situazione fisiologica

Il corpo umano dispone di una certa quantità di risorse per svolgere le attività quotidiane come l’esercizio fisico, il lavoro o le azioni più semplici come preparare la cena. Queste risorse sono paragonabili all’energia in una batteria ricaricabile… e ciascuno di noi ha la propria batteria. Qualsiasi tipo di stress, fisico o mentale, scarica la batteria, mentre il recupero, come il sonno, la ricarica.

La funzione Body Battery di Garmin utilizza le analisi di Firstbeat per misurare lo stress e il recupero allo scopo di fornire informazioni sulla tua batteria personale, ma come funziona in pratica questo processo? Il sistema nervoso del corpo ha una particolare area chiamata sistema nervoso autonomo (ANS, Autonomic Nervous System). L’ANS, come suggerisce il nome, esegue automaticamente alcune funzioni corporee, come la digestione, la frequenza cardiaca e la respirazione normale. [1]

Il sistema nervoso autonomo, ANS, risiede nei sottosistemi nervosi che regolano e controllano lo stress e il recupero, il simpatico e parasimpatico. Il sistema nervoso simpatico è la fonte della nostra risposta istintiva allo stress, che si esprime in attacco o fuga. Questa è la fase preparatoria del corpo al lavoro. Il sistema nervoso parasimpatico, invece, controlla le funzioni di riposo e digestione. [1]

Le informazioni fornite dal cuore

Il battito cardiaco è strettamente correlato all’ANS, che determina sia la frequenza cardiaca sia la variabilità della frequenza cardiaca (HRV). L’HRV rappresenta la variazione degli intervalli di tempo tra i battiti cardiaci. La differenza è espressa in millisecondi, perciò in genere non si notano variazioni dell’HRV come avviene con la frequenza cardiaca (battiti al minuto).

Ciò significa che l’analisi del battito cardiaco da un momento all’altro può rivelare le transizioni fra gli stati di attacco o fuga e riposo e digestione. Sotto sforzo, i battiti aumentano e la variabilità della frequenza cardiaca diminuisce. Possiamo notare il primo valore, ma è il secondo che rivela i dati più precisi sullo stato attuale.

Lo stress, come l’esercizio fisico, aumenta la frequenza cardiaca e riduce l’HRV. Quando sei rilassato e riposato, la frequenza cardiaca diminuisce e l’HRV aumenta. Il cuore è un motore messo perfettamente a punto che gira solo quanto è realmente necessario e tale sistema è talmente preciso che riesce a cambiare giri da un secondo all’altro.

Ora, esaminiamo questo aspetto in termini di chi ha il controllo. Un HRV basso indica stress e lo stress significa che è il sistema simpatico a gestire il processo. Un HRV alto indica riposo e ciò indica che sia il sistema parasimpatico ad essere al comando. [2]

Quando tutto è in equilibrio, la Body Battery mostra un ciclo regolare di consumo e ricarica nel tempo. Questo ciclo può interrompersi, causando, ad esempio, un consumo più rapido durante il giorno o una ricarica lenta durante la notte. Una di queste interruzioni potrebbe essere causata da una malattia in corso.

Cosa succede quando siete malati?

La malattia induce una risposta immunitaria che è, in gran parte, gestita dagli ormoni. Questi ormoni comunicano al corpo di iniziare a produrre più globuli bianchi, ad esempio, e anche ad attivare l’ANS per aumentare le attività simpatiche. Questo è ciò che regola la frequenza cardiaca, la sudorazione, e molto altro quando il corpo combatte una malattia. Fisiologicamente, il corpo percepisce lo stress e i nervi simpatici prendono il controllo. L’HRV di solito inizia a diminuire lentamente, anche se la velocità varia; le malattie più gravi possono causare una diminuzione più rapida. [3]

All’inizio, è difficile stabilire se una batteria scarica è dovuta a malattia o ad altre cause. Se avete un leggero mal di testa, mal di gola o starnutite, ad esempio, è probabile che vi stiate ammalando. Quando ci si ammala, la frequenza cardiaca può essere più alta del normale così come il Training Load nelle normali sessioni di allenamento.

Tenete presente che la febbre è un fattore altamente stressante per il corpo. Un aumento di 1 °C nella temperatura può aumentare la frequenza cardiaca media di oltre 8 battiti al minuto. [4] Gli squilibri fisiologici possono anche essere visualizzati come livelli di stress più elevati. Ad esempio, i casi di diabete o di ipo/iper-tiroidismo si possono riflettere nei grafici dello stress [1] e nei valori di Body Battery più bassi.

Mantenere uno stato di salute ottimale

La risposta allo stress del corpo significa prepararsi alle sfide. Fornisce l’energia per lavorare meglio e concentrarsi. Analogamente, la sollecitazione dei muscoli e del sistema cardiovascolare migliora la forma fisica, preparandovi alla sforzo fisico successivo.

Affrontare nuove sfide ci spinge ad adattarci aumentando la nostra forza e la resistenza. Lo stress diventa malsano solo se è prolungato o se è troppo alto. [5] Livelli di stress eccessivi nel tempo diminuiscono la nostra capacità di recuperare dagli sforzi e indeboliscono i nostri sistemi immunitari. [6]

Un programma di esercizi equilibrato e prendersi cura di se mangiando e dormendo bene, facendo delle pause dal lavoro, socializzando e così via, sono gli ingredienti chiave per una buona salute. La funzione Body Battery vi aiuta a conoscere il vostro stato di salute generale in modo tale da prendere decisioni migliori e informate per raggiungere condizioni di salute psico-fisica ottimali.

Consulente esperto e riferimenti

Johanna Toivonen, Fisiologo di Firstbeat Technologies; M.Sc. Biomeccanica e Fisiologia (Università di Jyväskylä).

[1]B. Derrickson, Human Physiology, Hoboken, NJ: John Wiley & Sons, Inc., 2017.
[2]Firstbeat Technologies, Oy, “Stress and Recovery Analysis Method Based on 24-hour Heart Rate Variablity,” White Paper, Jyväskylä, Finland, 2014.
[3]L. Borovikova, S. Ivanova, M. Zhang and e. al., “Vagus nerve stimulation attenuates the systemic inflammatory response to endotoxin,” Nature, vol. 405, p. 458–462, 2000.
[4]J. . Karjalainen and M. . Viitasalo, “Fever and Cardiac Rhythm,” JAMA Internal Medicine, vol. 146, no. 6, pp. 1169-1171, 1986.
[5]M. Agnese, “The effects of chronic stress on health: new insights into the molecular mechanisms of brain–body communication,” Future Science OA, vol. 1, no. 3, 2015.
[6]J. Morey, I. A. Boggero, A. B. Scott and S. Segerstrom, “Current Directions in Stress and Human Immune Function,” Curr Opin Psychol, no. 5, pp. 13-17, 2015.