Ciclomulino o rullo? Questo è il dilemma!

La stagione degli allenamenti indoor sui rulli è alle porte, e con essa il grande dilemma: di cosa è meglio dotarsi? Ciclomulino o rullo? Un’annosa questione la cui risposta è: dipende. Dipende dalle vostre esigenze – sportive ma non solo – e dalle vostre possibilità economiche, perché anche questo è un fattore da tenere presente. Ma andiamo con ordine.

Cos’è un ciclomulino?

I primi modelli di ciclomulino hanno conosciuto grande fama tra gli anni ’80 e ’90. Si tratta di un dispositivo per l’indoor training, a ruota libera. Il movimento della pedalata è simulato grazie alla presenza di pale – coperte da una rete di sicurezza – che, girando, contrastano l’aria creando resistenza. Il nome deriva dalla dimensione e dalla forma simili a quelle di un mulino, così come la sua rumorosità. L’equivalente di quello che, per la palestra, è stato il vogatore ad acqua.

Col tempo la tecnologia è venuta in soccorso. Oggi i ciclomulini possono ovviare a molti dei limiti dei precedenti modelli e, soprattutto, sono diventati interattivi. La presenza di freni meccanici, magnetici ed elettronici permette di alleggerire o appesantire la pedalata e impostare la resistenza senza cavi o manopole ingombranti, ma semplicemente tramite protocollo ANT+ FE-C e Bluetooth, direttamente su un dispositivo compatibile, come i ciclocomputer della serie Garmin Edge.

rullo per bici da corsa elite

Ciclomulino moderno

Cos’è un rullo

rullo per bici tradizionale

Rullo per bici tradizionale

Cosa sia nello specifico un rullo per bici ve lo abbiamo ampiamente spiegato in precedenza su questo blog. Quello che ci interessa sottolineare ora è che, a differenza del ciclomulino, il rullo utilizzato per gli allenamenti indoor non è a ruota libera. Quando utilizzate un rullo, la ruota posteriore resta montata, quindi la vostra bicicletta è sempre pronta all’uso. Con un ciclomulino, invece, la ruota della vostra bicicletta deve essere smontata e la bici stessa posizionata sull’apposito aggancio.

Ciclomulino e rullo: due dispositivi a confronto

Manutenzione

Tra i fattori da considerare quando si acquista un rullo c’è sicuramente la manutenzione. In un rullo classico, infatti, lo pneumatico posteriore – per ovvie ragioni dovute al calore della frizione sulla ruota – va incontro a usura con una certa frequenza. Anche al netto del minor numero possibile di frenate (la ruota non va mai arrestata con il freno ma lasciata rallentare fino a ché non si fermerà da sola), non è possibile coprire migliaia di km senza doverlo sostituire. E questo è sicuramente un costo che deve essere tenuto in considerazione (oltre alla precauzione di avere sempre a disposizione uno pneumatico di scorta).
Il ciclomulino invece, anche quello più evoluto, non ha bisogno di essere manutenuto. Ingrassare ogni tanto la catena sarà più che sufficiente.
Ciclomulino 1 – Rullo 0

Praticità

Come anticipato, il rullo tradizionale vi permette di avere la bici sempre montata. Se volete passare dall’allenamento indoor all’uscita, vi basta staccare la bici dal sostegno del rullo: è subito pronta per mettersi in strada. Quando si utilizza un ciclomulino, invece, la ruota deve essere rimontata e questa è un’operazione che – anche ai più pratici – può richiedere dimestichezza e tempo in più da dedicare.
Ciclomulino 1 – Rullo 1

Precisione della simulazione

Tra i vantaggi del ciclomulino interattivo, il primo da considerare è la precisione, nonché l’affidabilità, nella simulazione della pedalata. La differenza rispetto al rullo è davvero sostanziale. La percezione è praticamente identica a quella della pedalata in strada. Questo permette di eseguire anche allenamenti più specifici e performanti.
Ciclomulino 2 – Rullo 1

Interattività

Sia il ciclomulino che il rullo – purché siano interattivi – possono essere associati alle app per gli allenamenti indoor, come Zwift o Road Grand Tours. Il primo, però, può simulare pendenze di percorso fino al 20%, il rullo tradizionale non può invece andare oltre al 10%.
Ciclomulino 3 – Rullo 1

Rumorosità

In virtù della sua meccanica, il rullo è sicuramente molto più silenzioso del ciclomulino interattivo e, in caso di vicinato suscettibile, è bene tenere conto anche di questo fattore. Va però sottolineato – ad onor del vero – che gli ultimi modelli di ciclomulino sono meno rumorosi dei precedenti e che, in commercio, esistono anche appositi tappetini per attenuarne la rumorosità.
Ciclomulino 3 – Rullo 2

Costo

Un rullo interattivo ha un costo sicuramente inferiore a quello di un ciclomulino. A questa spesa però, ricordiamolo, va aggiunta quella della manutenzione e dell’usura degli pneumatici. Se siete soliti fare molti km, tenetene conto.
Ciclomulino 3 – Rullo 3

Ciclomulino: con un plus importante

A differenza di un rullo standard (senza Bluetooth e ANT+), un ciclomulino interattivo è compatibile con il ciclocomputer Edge 1030 per una particolare ma fondamentale funzione, in grado di fare la differenza. L’Edge 1030 infatti, collegato al ciclomulino, accede in automatico alle pagine di indoor training e permette di modificare in presa diretta carico e scarico della resistenza, senza distogliere l’attenzione dal vostro allenamento.

A differenza di Edge 820 o Edge 520, dunque, non dovrete accedere al menu impostazioni, poi Sensori, Indoor Training e così via, per selezionare passo passo le modifiche.

Vi sembra un dettaglio di poco conto?

Allora… immaginate di essere alle prese con il vostro allenamento. Siete lì, concentrati sulla pedalata, a 95 rpm al minuto, 250 watt di potenza, al massimo sforzo, con il cuore a 154 battiti, e dovete tenere duro per 3’, dopodiché avrete un minuto e mezzo di riposo a 140 watt con il cuore a 130 battiti, per poi riprendere la seconda serie a 300 watt per un minuto il tutto da seguire pedissequamente.
State ansimando, gocciolando sul display del vostro Edge, zampillando sudore da ogni poro, nonostante il ventilatore indirizzato verso di voi a potenza massima (un’immagine non bellissima ma sicuramente realistica!), le mani serrate sul manubrio e la sensazione di una fatica immane. E… nell’ultimo minuto di questa sessione quel sadico del vostro preparatore vi chiede di incrementare di 50 watt per 30” prima del riposo.

Voi cosa fate?

Se avete un Edge 520 difficilmente riuscirete ad eseguire correttamente l’ultima fase, tra le voci del menu che dovrete selezionare e la concentrazione che sfuma. Con un Edge 1030, invece, la resistenza è già sotto i vostri occhi, sul display. Non dovrete fare altro che selezionare + o -, per l’incremento prima e per il recupero poi.

Ne conveniamo, non è cosa da poco. Buon allenamento, allora!

Articolo scritto da Matteo Bortesi
Product Marketing Manager Sport & Fitness di Garmin

 

 

Condividi