E Dopo? Dopo è ogni Giorno una Conquista

Tocca fare un salto in avanti nel tempo, per poi tornare a raccontare di questi due anni di avventure dopo la mia vittoria del Beat Yesterday.

L’ho già detto, io non so se sia stato il Beat Yesterday ad aver modificato la mia vita, ma sono certa che è riuscito a dare una notevole spinta, ha riattivato quella parte di me piena di voglia di realizzare sogni e desideri, ha riacceso quella me incapace di star ferma, che ha bisogno costantemente di nuovo stimoli e obiettivi.

In questi due mesi non ho scritto, non riuscivo a trovare lo spazio per fermare i pensieri e le emozioni. Dopo 25 anni, mi sono licenziata e ho iniziato un lavoro nuovo.

Ho passato molto tempo a chiedermi se stessi facendo la scelta giusta, ho provato mille paure e anche un po’ di tristezza nel lasciare una situazione che non mi stimolava più, ma che comunque era rassicurante.

Poi quel pezzo di me in costante fermento ha deciso che era il momento giusto per andare, per lanciarsi in una nuova avventura, anche lavorativa. Ho lasciato un porto sicuro, un pezzo enorme della mia storia, per cimentarmi in qualcosa che mi spaventava.

Ho avuto bisogno di tempo per cercar di capire come stavo, cosa sarebbe successo, per fare ordine nelle mille emozioni che ho provato. Adesso posso fermarmi e ricominciare.

Potreste dirmi che il Beat Yesterday è una sfida sportiva, che non c’entra con la vita vera, e forse è così, io però resto convinta che ogni singolo traguardo sia in qualche modo legato l’uno all’altro, che senza quel premio, senza la mia Morgana (la bici che Garmin mi ha regalato a seguito della vittoria), probabilmente sarei rimasta inchiodata ad una vita che non mi apparteneva più da molto tempo.

Poi è vero, che i passi toccano a noi, che ci tocca scegliere ogni volta se rialzarci e camminare, o se rimanere a piangere per tutte le cose che non ci piacciono, ci tocca decidere se rischiare, sapendo che le sconfitte sono possibili o se evitare i rischi e starcene nel nostro cantuccio sicuro.

Credo che oggi sia il giorno giusto per scrivere, perché oggi, sono pronta a progettare la prossima avventura, il prossimo progetto. Si risale in sella e si ricomincia a pedalare…

Morgana arrivo!

Ora posso affermare di fare un lavoro complesso, faticoso a tratti, ma al tempo stesso splendido. Ho scoperto di aver trovato una nuova “casa”, che ogni giorno ha bisogno di un mattoncino nuovo per crescere sana, ed io, continuo in quel processo di ricostruzione di me stessa, giorno dopo giorno.