Italia | Italy
Skip navigation links

Attivi e connessi, con la smartband fitness vívosmart 3

Via i cappotti pesanti, via le calze, addio domeniche grigie passate in casa sul divano. Non è questo il momento di poltrire. La primavera è la stagione perfetta per dedicarsi al proprio benessere e con la smartband fitness vìvosmart 3 è davvero semplicissimo.

vívosmart 3, la smartband per il fitness di Garmin, rappresenta l’evoluzione della sua serie. E’ sottile, leggera, comoda da indossare ma, soprattutto, integra due innovative e utilissime funzioni: la stima del VO2max e la Fitness Age, che confronta la vostra età anagrafica con quella del vostro corpo. E probabilmente il risultato vi sorprenderà!

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) 150 minuti di attività fisica alla settimana sono la migliore prevenzione. Col il vìvosmart 3 al polso, avrete sempre sotto controllo non solo i minuti di attività intensa (in bici, di corsa o in palestra), ma anche i passi e la distanza coperta durante la giornata, i piani di scale e le calorie bruciate. Una perfetta smartband fitness.

smartband fitness garmin

In base alla frequenza cardiaca rilevata direttamente al polso, vi aiuterà a monitorare i momenti di maggiore stress, invitandovi a una doverosa pausa, e ad allontanare le energie negative con gli esercizi di ossigenazione temporizzati del Relax Timer. E scaricando i dati su Garmin Connect avrete chiaro l’andamento dei vostri livelli di stress: lo stimolo giusto per provare a cambiare stile di vita.

Inoltre vívosmart 3, grazie al rilevamento cardio dal polso, se indossato durante la notte, monitora il sonno e analizza la qualità del riposo. Al mattino si sincronizza automaticamente con il vostro account Garmin Connect in modo da poter visualizzare tutti i dati registrati nelle ore di sonno.

Migliorare il vostro benessere fisico e mentale, insomma, sarà un gioco da ragazzi. E quando inizierete a fare sul serio, come magari un allenamento Tabata, potrete sfruttare la funzione Strenght Training per gestire le ripetute e i tempi di recupero.

Condividi