Il consumo calorico nello sci

Con la stagione invernale le piste da sci tornano a popolarsi di atleti ed appassionati, desiderosi di mettersi alla prova o di trascorrere qualche ora spensierata all’insegna dello sport e immersi in scenari suggestivi.

Chi ha frequentato gli impianti, gli anelli di fondo ed i percorsi di sci alpinismo però sa bene quanto questo sport, nelle sue differenti discipline, costituisca non solo un passatempo sano e divertente, ma anche un’attività fisica piuttosto impegnativa e quindi perfetta per mantenersi in forma e bruciare calorie.

Coinvolgendo tutti i muscoli del corpo si ottengono benefici simili a quelli di una seduta di palestra e, a seconda della disciplina, il consumo calorico dello sci può essere piuttosto elevato e paragonabile ad altre attività.

Ma quante calorie si bruciano sciando? Ecco una pratica guida che vi aiuterà a conoscere il dispendio energetico e l’impegno richiesto dalle diverse discipline durante una giornata trascorsa sulle piste.

Quante calorie si bruciano con lo sci

Quantificare le calorie consumate in una giornata di sci non è semplice, sono molte infatti le variabili che intervengono, dal tipo di percorso, al dispendio energetico legato alle attività più blande, tra spostamenti, risalite, code al freddo per lo skilift o per la seggiovia. La tipologia di disciplina, il peso corporeo, la temperatura esterna, il tempo speso sciando, l’intensità con la quale ci si allena e perfino la capacità tecnica sono altri importanti elementi da valutare.

Chi ha più esperienza è in grado di trascorrere anche più di sei ore di attività e, pertanto, in questo caso può essere utile considerare il consumo orario.

Quando si affrontano pendii impegnativi sulla neve durante escursioni di sci alpinismo o uscite con gli sci di fondo, il consumo energetico è superiore in quanto si oltrepassa facilmente la frequenza cardiaca di soglia: si tratta in questo caso di una prestazione spesso anaerobica che in genere non si protrae oltre qualche minuto.

Nei tratti con lieve pendenza, invece, o nei percorsi completamente piatti, dove l’impegno è nettamente inferiore e l’intensità medio alta il consumo diminuirà.

In base a questi presupposti si può dunque affermare che sciando si possono bruciare migliaia di calorie al giorno. Potremmo individuare tre diversi livelli di consumo che possono cambiare anche in base allo stato di forma, al peso e all’impegno fisico:

quante calorie si consumano sciando

Questi valori possono subire delle variazioni anche in funzione delle diverse discipline praticate e dei tipi di percorsi. Gli smartwatch Garmin, oltre a tracciare e memorizzare ogni tipo di dato relativo alle vostre attività sulla neve, grazie al sensore di frequenza cardiaca posizionato sul fondello dell’orologio, vi aiutano anche a monitorare il dispendio energetico durante ogni singola attività sportiva. In questo modo sarà più semplice valutare il dispendio calorico e l’impegno fisico richiesto da ogni escursione sulla neve, adottando il sistema di alert calorico.

Avventurati sulla neve con i wearable Garmin

QUANTE CALORIE SI CONSUMANO IN UNA GIORNATA DI SCI?

Una giornata sulla neve può essere più o meno impegnativa e dispendiosa da un punto di vista energetico, non solo in funzione del metabolismo e della struttura fisica dell’atleta ma anche della durata dell’attività.

Quante calorie si bruciano ad esempio sciando per 4 ore?

Chi è alle prime armi avrà sicuramente un dispendio energetico nettamente inferiore rispetto a chi ha acquisito una buona tecnica facendo poche pause: in linea di massima in una giornata di circa 4 ore effettive sugli sci è possibile consumare dalle 600 alle 2000 kcal, ma esiste una differenza notevole tra un tipo di disciplina ed un’altra.

Chi decide di iniziare a fare sci alpinismo, nelle prime uscite si parte con un consumo di circa 550 kcal per ora: si tratta di un’attività che richiede una buona mobilità articolare e in cui si lavora a ritmi intensi a livello cardiocircolatorio e respiratorio.

Quante calorie si bruciano invece in un’ora di sci di fondo? Mantenendo un’andatura normale su un percorso mediamente impegnativo si possono smaltire dalle 400 alle 600 kcal, mentre ad un ritmo sostenuto si può arrivare a consumarne anche 1000. 

Per avere una panoramica più dettagliata dell’attività in alta quota è possibile fare affidamento sugli orologi Garmin con funzioni specifiche per l’outdoor, come quelli della serie fēnix ed epix: grazie ai diversi profili di attività precaricati vi forniscono metriche specifiche per tutte le discipline invernali, dallo sci alpino allo snowboard fino allo sci alpinismo e ai diversi stili di sci di fondo.

Affronta l’alta quota con gli orologi Garmin della serie fēnix