Italia | Italy
Skip navigation links

Garmin e i suoi Best Yesterday Awards

Si chiama Beat Yesterday, ed è l’anima sportiva di Garmin. È la molla, lo spirito che vi spinge a superare voi stessi, a migliorarvi ogni giorno. Ognuno di voi può cercare il suo #BeatYesterday. Scegliete il vostro prossimo obiettivo: i nostri dispositivi vi aiuteranno a raggiungerlo.

Ogni anno, da ormai tre edizioni, Garmin premia lo spirito #BeatYesterday, con i Beat Yesterday Awards, riconoscimenti speciali destinati a chi ha dimostrato di saper guardare l’oggi con gli occhi di domani. “Beat Yesterday”, ovvero: battete voi stessi, superatevi, siate la vostra versione migliore, alzate ogni giorno l’asticella e provate a superare i vostri limiti.

Ci sono persone che lo hanno fatto, hanno battuto loro stessi. Certo, i campioni dello sport, come Usain Bolt, uno che i record, quelli mondiali, li ha battuti davvero. Ci sono uomini – e donne – capaci di vere e proprie imprese, come Simone Moro e Tamara LungerMa ci sono anche tanti piccoli record quotidiani, sportivi e non sportivi. Ci sono le vostre gare, le sfide, gli obiettivi che riuscite a raggiungere, con fatica, impegno passione.

E poi c’è chi ha adottato il #BeatYesterday come stile di vita. Un esempio su tutti? Alex Zanardi. Il simbolo di forza di volontà e visione del futuro. Un grande campione sportivo, ma prima ancora un grande uomo che ha saputo trasformare gli ostacoli della vita in un’opportunità: l’opportunità di scoprirsi, oggi, qualcosa in più e in meglio di quello che era ieri.

Il 14 dicembre 2018, allo Spazio Gessi di Milano, andrà in scena un nuovo capitolo dei Garmin Beat Yesterday Awards. Sul palco avremo campioni straordinari, grandi uomini e grandi donne che sono i migliori ambasciatori della determinazione e della passione, nello sport così come nella vita.
In più, per l’edizione 2018, sarà consegnato il primo Beat Yesterday Garmin Social Awards, destinato a blogger e influencer, votati dalla Rete.

Seguite l’evento in diretta, durante la magica notte del Garmin Gala, sulla nostra pagina Facebook.

Condividi