Crunch: Cosa Sono e a Cosa Servono

Avere un addome scolpito è uno degli obiettivi più ricercati in un buon programma di fitness ma, per ottenere i risultati desiderati, è indispensabile focalizzarsi sugli esercizi giusti.

Tra questi non possono certamente mancare i crunch, una componente fondamentale di qualsiasi workout: conosciuti con il nome generico di addominali sono indispensabili per il rafforzamento del core, il nucleo del nostro corpo.

Ma esattamente cosa sono i crunch e a cosa servono?

Spesso confusi con i sit-up e complementari ad essi, sono esercizi base che consentono di allenare in modo specifico il retto dell’addome: si parte dalla stessa posizione, con il viso verso l’alto, le ginocchia flesse, spalle a terra e braccia incrociate al petto o dietro la testa, ma la differenza è che nel crunch si sollevano solo la testa e le scapole per poi tornare indietro lentamente, senza mai arrivare dunque in posizione seduta.

Il termine si riferisce più precisamente alla contrazione muscolare, una sorta di stretta a livello del bacino che si esegue generalmente dalla posizione supina, piegando leggermente il tronco e sollevando il busto da terra in direzione delle gambe con la sola forza dei muscoli addominali. In modalità statica la posizione può essere mantenuta per alcuni secondi mentre nella versione dinamica si riporta il busto verso terra per un certo numero di ripetizioni.

Efficaci contro la lordosi e il mal di schiena, questi esercizi permettono di acquisire maggiore equilibrio migliorando la stabilità del tronco e la forza generale del core. Inoltre, se inseriti correttamente in un programma di fitness completo, contribuiscono al benessere generale e al miglioramento della postura e dell’estetica del proprio corpo.

Sapere esattamente che cosa sono i crunch e a che cosa servono è di fondamentale importanza per pianificare una buona routine di allenamento ed eseguirli al meglio: vediamo insieme quali sono i muscoli maggiormente coinvolti durante l’esercizio e le sue varianti e quanti crunch fare al giorno per ottenere risultati.

Quali muscoli si allenano con i crunch?

Questa è un’altra delle domande a cui è necessario dare una risposta prima di programmare la propria scheda fitness in modo corretto. Come detto, i muscoli maggiormente coinvolti nel crunch sono quelli addominali, che fanno parte del core, ossia la zona centrale del corpo compresa tra torace e bacino. Essa comprende:

Personalizzare il workout è indispensabile per ottenere risultati e stimolare lo sviluppo muscolare: gli smartwatch Garmin della serie Venu vi permettono di scegliere tra oltre 1.600 esercizi predefiniti, così da creare i vostri allenamenti su misura, visualizzare la mappa dei muscoli coinvolti nell’allenamento e, direttamente sul display, le clip animate che mostrano l’esecuzione corretta di ogni esercizio. Grazie a più di 25 app precaricate per diversi sport, sia al chiuso che all’aperto, potrete registrare tutti i tipi di attività e monitorare ogni workout.

Monitora i tuoi training con gli smartwatch Garmin della serie Venu

a cosa servono crunch

Quanti crunch fare al giorno?

Come ogni muscolo del nostro corpo, anche l’addome per poter guadagnare tonicità richiede costanza ed esercizi mirati e specifici.

Al contrario di quanto si possa pensare, allenarsi tutti i giorni nella maggior parte dei casi non porta ad ottenere risultati migliori in tempi più rapidi, fondamentale è invece una buona programmazione che consenta di variare il più possibile gli esercizi e fornisca stimoli a cadenza regolare, prevedendo anche il giusto recupero.

Quanti crunch fare al giorno quindi? L’ideale sarebbe dedicarsi all’addome almeno 3 o 4 volte alla settimana, eseguendo ad esempio 4 serie da 25 ripetizioni.

Per evitare che subentri la noia e si possa perdere la motivazione è importante introdurre alcune varianti nel proprio workout, ecco alcuni dei più efficaci esercizi addominali da fare a casa o in palestra per fornire uno stimolo il più possibile completo:

Inserendo questi esercizi all’interno dei vostri training presto riuscirete ad ottenere i primi risultati: con uno smartwatch Garmin per il fitness al polso potrete scandire i tempi di ogni serie e tenere traccia di ogni allenamento, registrando tutti i principali parametri, inclusi i minuti di attività e i recuperi.

Allenati con gli smartwatch Garmin