15 anni di fasce cardio Garmin, dal Forerunner 301 alla HRM-Pro

Nel lontano 2005, in un soleggiato giorno di maggio, Garmin ha lanciato il suo primo cardiofrequenzimetro GPS interamente dedicato alla corsa: Forerunner 301. Ma la grossa novità era rappresentata dalla fascia cardio inclusa nella confezione che, una volta associata all’orologio, permetteva finalmente di rilevare la frequenza cardiaca durante le sessioni di corsa, zone cardio comprese.

L’anno successivo, con il lancio di Forerunner 305 (pietra angolare di tutti gli sportwatch!), fa la sua comparsa la fascia cardio HRM Standard, con le stesse caratteristiche tecnologiche delle precedente ma costruita con un composito plastico molto più ergonomico, durevole e leggero. Ma è solo con la storica fascia Premium che viene introdotto il modulo cardio removibile. Una bella comodità, che permetteva lo spostamento del sensore da questa a quella fascia toracica oppure l’applicazione diretta alle maglie sportive intime con appositi alloggiamenti.

Fin dagli albori del suo sviluppo, la fascia HRM (Hearth Rate Monitor) ha conquistato un ruolo fondamentale nella preparazione atletica in ogni disciplina sportiva, a tutti i livelli. Oggi la fascia cardio è una realtà consolidata e un’insostituibile compagna di allenamento e la sua tecnologia è in evoluzione da ben 15 anni.

Oltre a BPM e zone cardio

Ma l’evoluzione delle fasce cardio non si è limitata solo al design, ai materiali o all’ergonomia. Anche il software degli sportwatch e la creazione di nuovi algoritmi hanno giocato un ruolo fondamentale nello sfruttamento della frequenza cardiaca a fini sportivi. Infatti, nel 2009, con l’introduzione del calcolo calorico in base al dispendio energetico di Firstbeat, i dispositivi Garmin potevano finalmente rispondere ad un’esigenza molto comune: precisamente, quante calorie sono state consumate dall’inizio dell’allenamento? Un rivoluzione copernicana che offre agli sportivi la possibilità di gestire al meglio la propria alimentazione durante le gare e gli allenamenti, senza errori.

Però, è con la fascia HRM-Run che la combinazione tra evoluzione hardware e tecnologia di calcolo raggiunge il suo apice: viene inserito un accelerometro all’interno del modulo cardio che permette di rilevare le dinamiche avanzate di corsa. Un’altra, ennesima, rivoluzione.

L’acqua è l’ultima frontiera

Ma questo non era ancora sufficiente. Le fasce cardio dovevano stare al passo con l’evoluzione dei nostri sportwatch che, con il tempo, sono diventati un punto di riferimento anche per il triathlon e il nuoto. Ecco quindi fare la sua comparsa la fascia cardio HRM-Tri, una bomba di tecnologia con accelerometro integrato per rilevare le dinamiche di corsa e, soprattutto, in grado di rilevare il battito cardiaco sott’acqua. Manna dal cielo per triatleti. La fascia HRM-Tri offre una miglior vestibilità durante la gare di endurance ed è altresì dotata della funzione Store and forward, che memorizza fino a 20 ore di dati cardio per sincronizzarli post allenamento.

Contestualmente alla HRM-Tri, vede la luce anche la fascia cardio HRM-Swim, che consente una rilevazione puntuale della frequenza cardiaca durante il nuoto in piscina. E’ studiata per sopportare il tuffo d’ingresso senza sfarfallamenti e costruita con materiali igroscopici ed idrodinamici per un miglior comfort e drag acquatico.

Wireless, wireless, wireless!

In tempi molto più recenti fa la sua comparsa anche la fascia HRM-Dual. Va a sostituire la fascia cardio Premium e nasce dalla necessità crescente di sfruttare la connessione Bluetooth per accoppiare il sensore cardio a dispositivi di terze parti come macchinari per il fitness, app di virtual training, Zwift e molte altre.

L’ultima arrivata tra le fasce cardio Garmin è invece la fascia HRM-Pro, che oltre al protocollo di trasmissione Bluetooth, a differenza della HRM-Dual è in grado di rilevare anche le dinamiche di corsa e la frequenza cardiaca sott’acqua. Non solo. La funzione Store and forward si evolve registrando i passi, le calorie bruciate e i minuti di intensità. Questi dati possono essere sincronizzati con Garmin Connect in ogni momento, sfruttando appunto la connessione Bluetooth con lo smartphone e la modalità Physio TrueUp che permette l’unione dei dati registrati da più dispositivi Garmin.

garmin hrm-pro
Fascia cardio Garmin HRM-Pro

Tabella comparativa

HRM-Dual HRM-Run HRM-Swim HRM-Tri HRM-Pro
Frequenza cardiaca via ANT® (2.4 GHz)
Frequenza cardiaca via Bl®
Supporta il calcolo della variabilità della frequenza cardiaca (HRV)
Numero di connessioni ANT® supportate Nessun limite Nessun limite Nessun limite Nessun limite Nessun limite
Numero di connessioni BLUETOOTH® supportate 2 2
Dinamiche di corsa
Funzione Store and forward
Swim interval heart rate stats1
Sincronizza con l’app Garmin Connect
Monitora passi, cardio, calorie e minuti di intensità usando Physio TrueUp
Autonomia 3,5 anni (un’ora al giorno) 12 mesi (un’ora al giorno) 18 mesi (nuotando tre ore alla settimana) 10 mesi (un’ora al giorno) 12 mesi (un’ora al giorno)
Impermeabilità 1 ATM 5 ATM 5 ATM 5 ATM 5 ATM
Modulo rimovibile
Lunghezza fascia 64–132 cm 60–106 cm (142 con prolunga) 58–145 cm 60–106 cm (142 con prolunga) 60–106 cm (142 con prolunga)
Design antiscivolo e idrodinamico per piscina

Consigli per l’uso e la manutenzione delle fasce cardio

E’ altamente consigliato, dopo ogni utilizzo, lavare le fasce cardio con sapone neutro. Evitate di metterle in lavatrice e, in caso non possiate farne a meno, ricordatevi almeno di rimuovere il modulo cardio (HRM-Dual e Premium) o di proteggerlo infilando la fascia in un calzino. Questo limita – ma non esclude – il piegamento dei sensori e il danneggiamento delle connessioni interne durante la centrifuga con conseguente malfunzionamento della fascia cardio.

Se si nota un ritardo nella rilevazione del segnale o picchi anomali è meglio sostituire la batteria. Se dopo aver cambiato al batteria i dati risultano evidentemente errati è buona norma effettuare un hard reset delle fascia. Come? Aprite il modulo e girate la batteria alla rovescia nell’apposito vano. Riposizionatela con il polo positivo (+) in battuta e, se anche in questo caso la fascia non registrasse correttamente il dato di frequenza cardiaca contattate il nostro centro assistenza.