Cosa dicono gli addetti ai lavori di Garmin Catalyst

Il settore degli sport motoristici adora Garmin Catalyst. Leggi e scopri cosa dicono dell’innovativo ottimizzatore delle performance di guida.

Usare Garmin Catalyst per essere il più veloce: Aldrin Villanueva

Abbiamo chiesto il parere di Aldrin Villanueva, rappresentante commerciale e marketing della NASA, che si sta preparando per raggiungere l’HPDE (High Performance Driving Event) e che potrebbe migliorare le sue performance utilizzando Garmin Catalyst. Nel suo primo fine settimana con la nuova Subaru BRZ, Villanueva ha montato Catalyst in auto e ha guidato all’evento SoCal Region a Buttonwillow a ottobre. Lo abbiamo incontrato al suo rientro per scoprire le sue impressioni sul nuovo Garmin Catalyst.

Accessibilità & Design
“Una volta visualizzata la schermata principale, è sufficiente premere l’icona del casco in alto. Da lì è possibile aggiungere un conducente e un’auto”, ha affermato Villanueva. “Il design e il software è studiato appositamente per poter trasferire Catalyst da un’auto all’altra utilizzando diversi profili. Bastano pochi tocchi per condividerlo tra automobili e tra piloti.”

Suggerimenti audio
Catalyst si monta sul parabrezza e trasmette l’audio a un’autoradio dotata di Bluetooth o a una coppia di Air Pod. Villanueva ha collegato il Catalyst al suo stereo, ma ha notato che con i finestrini aperti (come richiesto dal regolamento HPDE), con il veicolo che viaggia ad alte velocità e indossando il casco, non è facile sentirlo. Auricolari bluetooth o una configurazione all’interno del casco come Sena potrebbero rappresentare la soluzione migliore.

“Se i finestrini fossero alzati probabilmente andrebbe bene, ma non è possibile in pista. Quindi, sono necessari solamente gli auricolari e il casco.”

Catalyst all’opera
Catalyst impiega un paio di giri per raccogliere i dati di guida, poi inizia a inviare all’utente suggerimenti per andare più veloce e come affrontare le curve in modo corretto. Mostra anche i tempi sul giro e il delta sul giro che stai percorrendo.

“Non ti mostra praticamente nulla fino al terzo giro”, ha detto Villanueva. “E dopo il terzo giro inizia a dirti se hai fatto un buon lavoro curvando in anticipo o frenando in ritardo oppure se hai sfruttato bene il circuito, ti fornirà un feedback positivo, come “ottimo lavoro, hai frenato al momento giusto!”.

“Tutto sommato un sistema facile e non intrusivo”, ha continuato. “E, grazie all’ampio display, in un segmento in cui procedi lentamente, lo schermo diventa rosso, mentre se acceleri diventa verde.”

Intuitività
“Ciò che lo rende davvero intuitivo per i principianti è il fatto che non fornisca tutte le informazioni in una sola volta. Le suddivide in segmenti e all’interno di questi segmenti analizza la frenata, la traiettoria corretta e l’accelerazione e la curva. Scompone continuamente i dati”.

Considerazioni finali
“È sicuramente uno strumento utile. Penso che per i piloti HPDE, per i piloti TT e per chi cerca qualcosa di molto semplice e non vuole collegare nulla ai sensori esterni, ma ottenere dati e GPS senza collegarsi a una porta OBDII o simili, sia molto rivoluzionario.”

Potete leggere l’articolo completo qui.

Eric Meyer, Presidente di Instructor Summit, intervista il Driver Coach Peter Krause

Recensione di Brett Becker (Speed News) – Pubblicazione ufficiale della National Auto Sport Association (NASA)

Se hai l’impressione che negli ultimi due anni, ogni 6 mesi, siano usciti nuovi e rivoluzionari sistemi per la raccolta dei dati di guida, hai ragione. Garmin ha appena lanciato Garmin Catalyst, un ottimizzatore di guida che si monta sul parabrezza, raccoglie i dati sulle prestazioni e fornisce feedback audio in tempo reale per aiutare i piloti a sfruttare al massimo il loro potenziale. Hai letto bene: suggerimenti audio in tempo reale per aiutarti ad andare più veloce mentre sei in pista. Incredibile.

Garmin attribuisce a un gruppo di appassionati di sport motoristici all’interno dell’azienda, noto come Garmin Pit Crew, il merito di questo dispositivo.

“La funzione True Optimal Lap di Garmin Catalyst è davvero un elemento rivoluzionario”, ha affermato Adam Spence, Product Manager Garmin e responsabile del team Garmin Pit Crew. “Finora, lo standard di settore per identificare il Lap teorico più veloce divideva ogni Lap in una serie di settori. Prendeva il tempo più veloce e lo aggiungeva per generare il Lap teorico più veloce. Il problema è che, sulla base delle leggi della fisica, il tempo sul giro suggerito può essere irraggiungibile. Garmin Catalyst è diverso. Raccoglie diverse metriche di dati e identifica dove i Lap possono essere riuniti per creare il tracciato di gara più veloce. Ciò mostra agli utenti il loro tempo più veloce raggiungibile in base ai tracciati effettivamente percorsi e offre loro un Lap ottimale che possono effettivamente raggiungere.”

I suggerimenti audio possono essere trasmessi al pilota tramite auricolari compatibili o in streaming attraverso lo stereo della vettura tramite tecnologia bluetooth. I suggerimenti acustici vengono emessi prima e dopo le curve, fornendo un feedback immediato al pilota. La raccolta, la visualizzazione e l’interpretazione dei dati vengono eseguite sullo stesso dispositivo e accessibili tramite il touchscreen del display. I dati e i video possono essere visualizzati contemporaneamente.

Leggi l’articolo completo qui.