Un ultimo sguardo e sono pronto a uscire.

Sono ormai arrivato al termine di un ciclo di allenamento, pronto ad affrontare il “cambio di passo” che mi porterà ad affrontare l’ironman di Pays d’Aix. Mi sento sospeso a mezz’aria, come in una “zona di transizione”, vivo questi giorni con sensazioni altalenanti. Cerco di prendermi il mio tempo, pur consapevole del fatto che non ne ho, osservando il percorso fatto, immaginando quello da compiere, cercando di fare tesoro da ogni microscopica sensazione.

luca conti

Non so dirvi se temo di più il “cambio di ritmo”, il “cambio di stagione” o “la stessa zona di cambio” fatto sta che la nuova scheda è tanto mentale quanto fisica, un vero e proprio lavoro di metabolizzazione della distanza applicata al tempo concettualizzata alla fatica. Oserei definirlo un allenamento Zen.

point of no return

Bici, corsa, nuoto, corsa, nuoto, bici, palestra, tutto si sussegue con l’incalzante ticchettio delle lancette, con l’assottigliarsi del calendario, con il logorio delle scarpe e degli indumenti. Tutto passa da quel cartello che ho abbondantemente superato.

Un ultimo sguardo e sono pronto a uscire.

Condividi